Torna alla Home Page
                                                               per richieste e informazioni scrivere a:
News
Home page Chi sono Galleria Archivio
Report News  
   Home | Report
Ultime report inseriti

Villa Beccari: Grande emozione il 9 settembre scorso durante la v... [leggi tutto]

Contrayerba: La Dorstenia contrajerba è una pianta origi... [leggi tutto]

Ginepro ossicedro: Il ginepro ossicedro (Juniperus oxycedrus subsp. o... [leggi tutto]

Visualizza tutti >>

News

Orchidee del Giglio
Il numero 48 del GIROS Notizie, in uscita in settembre, accoglie l'articolo dedicato ai nuovi ritrovamenti di orchidee f... [leggi tutto]

Ansel Adams in mostra
Da venerdì 16 settembre 2011 a domenica 29 gennaio 2012 è in programma presso l’ex ospedale Sant’Agostino di Modena un'e... [leggi tutto]

Libro Orchidee di Siena
Edito dal "Servizio Aree Protette della Provincia Siena" è stato pubblicato il libri dal titolo: "Atlante delle Orchidee... [leggi tutto]

Seminario wildflowers
Il 29 settembre si terrà presso la Sala Atto Vannucci in via T. Mabellini n° 9 a Pistoia un seminario dedicato all'impie... [leggi tutto]

Il Chianti d'autunno
In settembre sarà in edicola il nuovo numero di GIARDINI nel quale è ospitato un mio articolo dedicato al Chianti. Quest... [leggi tutto]

Visualizza tutti >>


Ginepro ossicedro

Il ginepro ossicedro (Juniperus oxycedrus subsp. oxycedrus), nel Chianti, non è una pianta molto comune, si trova solamente in corrispondenza degli affioramenti ofiolitici, spesso anche in contesti floristici di notevole valore naturalistico, ma sempre e comunque molto rara e per questo motivo ho poche occasioni per fotografarla. Inoltre, trattandosi di una specie che vive su terreni estremamente difficili, generalmente si presenta con un portamento piuttosto misero, con rametti spogli e scomposti, decisamente in una veste poco attraente, difficile da collocare in una buona inquadratura. In questa occasione o quindi deciso di forzare un po' la mano e, anche se generalmente non mi piace farlo, ho modificando la scena. Ho afferrato un rametto con le bacche e, piegandolo, ho avvicinato questo a un'altro adiacente convenientemente fornito di aghi e, quindi, ho fermato il tutto con un paio di mollette per i panni. In questa modo sono riuscito ad ottenere una composizione più equilibrata e piena dove sono ben visibili sia le bacche dalla bella tinta rossastra sia la doppia banda parallela di colore bianco che orna le foglie. Caratteristiche, queste, che insieme permettono di identificare inequivocabilmente la specie.

2011-08-16 03:16:51

Visualizza tuttp i report >>


[Home page]
- [Chi sono] - [News] - [Galleria] - [Archivio]
Links consigliati